LA TESTIMONIANZA DI AGNESE, GROUP LEADER DEL PROGETTO ‘YOU ARE WHAT YOU CONSUME’

Paesi Partecipanti al progetto: Spagna, Italia, Grecia, Croazia, Ucraina.

Lo scorso Febbraio, Kora ha preso parte al suo primo scambio giovanile interamente ONLINE. Quello che è partito come un esperimento si è rivelato essere uno spazio di condivisione e di interazione tra giovani coinvolgente ed unico nel suo genere.

Lo scopo dello scambio “You Are What You Consume” è stato quello di sensibilizzare e raccogliere informazioni su di un argomento complesso come quello del consumismo e della sua sostenibilità. Siamo partiti con lo scoprire la nostra impronta ambientale, un momento di rivelazione sconvolgente per tutti i partecipanti, arrivando alla creazione di un video di buone pratiche per consumare meno e in maniera più critica  con lo scopo di sensibilizzare e coinvolgere anche le persone a noi vicine.

Ma come è stato possibile organizzare uno Youth Exchange di una settimana tra 5 paesi Europei durante una pandemia? La tecnologia è stato un validissimo supporto, ma come sempre la motivazione e l’entusiasmo dei volontari e degli organizzatori è stata il pilastro fondamentale.
Raccogliere i partecipanti sui social media settimane prima dell’inizio dello scambio ha contribuito a creare un clima amichevole e di collaborazione. Le giornate sono state divise in maniera equilibrata: durante le mattine era previsto l’incontro in plenaria sulla piattaforma Zoom mentre i pomeriggi erano dedicati alle azioni individuali. Sono state realizzate interviste ai propri nonni/genitori sul loro stile di consumo nello scorso secolo, presentazioni sull’industria alimentare del proprio paese e investigazioni nel proprio armadio scoprendo la composizione dei vestiti che indossiamo ogni giorno. Infine tutte le attività sono state riportate nel gruppo Facebook dello scambio alimentando riflessioni e discussioni.

A tutto questo è stato affiancata la possibilità di accedere alle stanze a tema sulla piattaforma Gather Town. Una vera e propria sala conferenza ma virtuale, dove non solo è possibile visitare stanze ricche di contenuti interattivi ma anche di incontrare i partecipanti attraverso avatar e conversare con loro via webcam, il sito è permanente ed accessibile da chiunque sia curioso di saperne di più sul consumo critico, ecco il link

Se da una parte eravamo motivati da quanto è stato risparmiato in termini di risorse non volando da cinque paesi diversi per uno scambio in presenza* (infografica da FIRST E LAST REACTION SCIOK) niente può sostituire l’interazione dal vivo e la sua portata emotiva. Tuttavia sono stati ritagliati spazi di scambio interculturale che hanno contribuito a tenere alto il mood dei partecipanti, tra tutte le celebrazioni per il Carnevale e un Talent Show incredibile, con reading di poesie, trucchi di magia, concerti unplugged e molte altre amenità.

Complimenti a tutti i partecipanti per la loro voglia di mettersi in gioco, alle associazioni organizzatrici per la professionalità e il lavoro dietro le quinte e online, questo primo esperimento di scambio a distanza è stato un successo da cui trarre ispirazione e insegnamenti per il futuro.

Share This Post!

CHANGE YOUR LIFE TODAY!

GET INVOLVED